cineforum antispecista

[Ba] Vegan per le persone, per gli animali, per il pianeta@Glamorama 19/04

Posted on aprile 14, 2012. Filed under: Attivismo, cineforum antispecista |

Serata di informazione sul veganismo e le motivazioni che portano a tale scelta di(/per la) vita!
Per saperne di più…per aprire i nostri orizzonti

Proietteremo il documentario Making the connection/Facciamo il collegamento

Tutti i motivi per essere vegan raccontati da tante persone che hanno fatto questa scelta: per gli animali, la salute, la cucina, l’ambiente, la società, la forma fisica.

Distribuzione gratuita di materiale informativo sulla scelta vegana.

Giovedì 19 aprile
ore 20.30
@Glamorama
Strada Palazzo di Città, 51 (Bari)

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

[BA] Proiezione “La vita emotiva degli animali da fattoria” – 27/03/2012

Posted on marzo 20, 2012. Filed under: Attivismo, cineforum antispecista | Tag:, |

martedì 27 marzo 2012
ore 19.00
c/o Terre del Mediterraneo, Via Piave, 59, Bari, Italy



Colorado, USA. Un camion corre sull’autostrada; a bordo del camion un allevatore e un piccolo vitello di nome Jessy. L’allevatore è contento perché è diretto ad un’asta di animali per il macello, e Jessy vale una piccola fortuna. Jessy ha poco più di un mese.A un tratto l’allevatore sente un forte schianto, rallenta e accosta sul bordo dell’autostrada. Il vitello Jessy è saltato giù dal camion in corsa, forse perché ha intuito qualcosa. Nello schianto contro l’asfalto si è rotto una zampa e la frattura è così brutta che Jessy non riesce a stare in piedi.Jessy è salvo dal macello, perché un vitello che non sa stare in piedi non può essere venduto all’asta. Ma l’allevatore non sa cosa farsene di un vitello zoppo, quindi valuta se gli convenga ucciderlo direttamente lì e sbarazzarsene.
Ma a un tratto un’automobile accosta sul bordo dell’autostrada…La storia (a lieto fine) di Jessy e le storie di molti altri animali scampati al macello, sono narrate in questo bellissimo documentario, che mostra come anche gli animali da allevamento, e non solo quelli da compagnia, sono individui con una personalità unica e ben definita in grado di provare sentimenti complessi come la nostalgia o l’amicizia verso specie diverse. È per questo che dovremmo smettere di considerarli come oggetti a nostro uso e consumo, nati per essere macellati, tosati, scuoiati, spiumati o munti.
Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

[BA] Proiezione “Inventori di Malattie” – 28/02/2012

Posted on febbraio 27, 2012. Filed under: Attivismo, cineforum antispecista | Tag:, , , |

Proiezione del documentario INVENTORI DI MALATTIE
martedì 28 febbario 2012 ore 19.00 (si raccomanda la puntualità)
c/o Terre del Mediterraneo – Via Piave, 59 – BARI


«Il nostro sogno è inventare farmaci per gente sana»: la frase, attribuita ad Henry Gadsen, direttore gene…rale della multinazionale farmaceutica Merck, riassume la filosofia del “Disease mongering”, ovvero: la scienza (mostruosa) degli “inventori di malattie” che creano patologie a tavolino per poi vendere più farmaci.

Il viaggio-inchiesta che parte dagli Stati Uniti e traccia un inquietante racconto sulla “colonizzazione farmaceutica” di larghe fette di popolazione del pianeta, attraverso le suggestioni ammiccanti delle campagne pubblicitarie, gli innumerevoli conflitti d’interesse e le tante complicità occulte.

“E’ un lavoro di molti mesi per portare alla luce il fenomeno dell’uso eccessivo di farmaci negli Stati Uniti e in generale nel mondo occidentale” . spiega a Unimondo Nicoletta Dentico (vicepresidente dell’Osservatorio Italiano sulla Salute Globale) che con di Luca Cambi e Francesca Nava ha curato il documentario. “In inglese si chiama Disease mongering che si potrebbe tradurre commercializzazione delle malattie. Un percorso che va dalla creazione a tavolino di un disturbo alla sua consacrazione ufficiale, sino a far diventare un farmaco un blockbuster, ovvero un farmaco con prescrizione di ricetta medica che ha superato i 10 milioni di dollari l’anno di vendite” – sostiene Dentico.

L’industria farmaceutica, costretta dalla Borsa ad aumentare sempre di più i propri profitti, non si può permettere battute d’arresto. “Così – prosegue Dentico – invece di fare innovazione e ricerca investe in marketing e mette a punto una strategia perfetta che coinvolge e condiziona tutti gli attori del processo mediatico e produttivo. Una strategia basata fondamentalmente su innumerevoli conflitti di interessi a partire dalla complicità dei media nel diffondere le nuove malattie, fino ai corsi di formazione permanente da parte dei professori universitari, che spesso risultano essere anche consulenti di società farmaceutiche; dal lavoro sporco degli informatori farmaceutici alla corruzione stessa e diretta dei medici; dalle associazioni di pazienti finanziate dalle case farmaceutiche al ruolo ambiguo dell’FDA, che su questo processo dovrebbe controllare… e soprattutto l’implacabile forza d’urto del marketing, in grado di diffondere una paura, creare un bisogno, proporre un rimedio e fare vendite di farmaci per milioni di dollari (500 milioni di dollari l’anno è la media dell’industria farmaceutica), anche attraverso libri per bambini!”.

Le strategie di marketing: vendono paura di invecchiare, di essere timidi, essere agitati, essere adolescenti, essere in meno pausa… essere umani. Tutti disturbi che si tramutano in malattie da curare con farmaci -sempre gli stessi- spesso inutili se non dannosi, magari il cui brevetto è in scadenza e occorre trovare un escamotage per rinnovarlo (è il caso del Prozac, tinto di viola e trasformato in Sarafem, senza alcuna modifica, per curare un certo “Disturbo Disforico Premestruale”).

Gli effetti collaterali sono un altro tema del documentario. Trial clinici fatti solo parzialmente i cui risultati sono stati nascosti e mai pubblicati, casi di suicidio e di morte per cocktail letali di farmaci, esagerata diffusione nelle scuole di farmaci per curare il disturbo di iperattività dei bambini (ADHD). Queste e altre storie e la testimonianza dell’Avv. Menzies di Los Angeles, in causa da anni con la Glaxo Smith Kline che spiega come solo facendo una causa si costringa l’industria farmaceutica a tirare fuori le carte.

Il documentario è guidato nel suo sviluppo da spezzoni di una preveggente commedia francese scritta negli anni 20 dal titolo “Il Dott. Knock e il trionfo della medicina”, trasposta poi in film negli anni ‘50. E’ la storia di un medico senza scrupoli che arriva in un paesino di gente tranquilla e, con metodi tutt’altro che scientifici, convince tutta la popolazione di essere affetta da svariate malattie. Nel giro di pochi mesi si arricchirà mettendo a letto mezzo paese, con grande gioia del suo conto in banca e di quello del farmacista! La sua teoria è che “non esiste gente sana, ma solo gente più o meno malata”.

Numerose le interviste del documentario: a medici (Marcia Angell, Silvio Garattini, Steve Woloshin, Lisa Shwartz), giornalisti (Melodie Petersen, Merrill Goozner), oltre che avvocati ed economisti (J. Stiglitz) e due importanti insider (Peter Rost, ex vice direttore marketing della Pfizer e Mike Oldani, ex informatore farmaceutico).

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

[BA] Proiezione “Il Mondo Secondo Monsanto” – 10/02/2012

Posted on febbraio 10, 2012. Filed under: Attivismo, cineforum antispecista | Tag:, , , |

martedì 14 febbraio 2012
ore 19.00
c/o Terre del Mediterraneo, Via Piave, 59, Bari, Italy
Il mondo secondo Monsanto – Storia di una multinazionale che vi vuole molto bene ”Documentario della giornalista francese Marie-Monique Robin, autrice dell’ omonimo libro e vincitrice del premio Albert-Londres, il più importante della stampa francese.Cosa sappiamo veramente degli effetti degli OGM sulla nostra salute?
Perchè l’agricoltura transgenica è così pericolosa?
Quali interessi si nascondono dietro la commercializzazione di sementi geneticamente modificate?Il documentario, frutto di tre anni di ricerche, analizza la questione degli OGM e dei brevetti sulle sementi geneticamente modificate e sui fertilizzanti chimici prodotti dalla multinazionale americana, che attualmente possiede il 90% degli OGM presenti nel mondo . Non solo: grazie alle testimonianze degli agricoltori e agli autorevoli interventi di esperti come Vandana Shiva, il film mostra l’innumerevole serie di cause che coinvolgono la Monsanto, già condannata per negligenza, frode, attentato a persone e cose, disastro ecologico e sanitario e utilizzo di false prove.Monsanto è leader mondiale nella produzione degli Organismi Geneticamete Modificati (OGM) ed è una delle aziende più controverse della storia industriale. Dalla sua fondazione nel 1901, la multinazionale di Saint Louis ha accumulato diversi processi a proprio carico, a causa della tossicità dei prodotti che impone al mercato. Negli anni è stata accusata di negligenza, frode, attentato a persone e cose, disastro ecologico e sanitario e utilizzo di false prove. Eppure, questo pericoloso gigante della biotecnologia si pubblicizza come azienda della “scienza della vita”, apparentemente convertita al verbo dello sviluppo sostenibile.

Questo documentario è il risultato di tre anni di importanti ricerche, parla della poco nota storia dellazienda Monsanto e risponde a molte domande che ci toccano da vicino.

” Nelle campagne del mondo ci vogliono uomini, non multinazionali. Il cibo deve essere prodotto per essere mangiato, e non solo per essere venduto. Ne va della sovranità alimentare dei popoli; ne va della nostra libertà. Non ci è dato sapere quali saranno in futuro gli effetti degli OGM sulla salute dell’ambiente e delle persone, ma per ora è certo che essi sono di proprietà di multinazionali che mirano a controllare il nostro cibo su scala globale, per vendercelo alle loro condizioni. Il Mondo secondo Monsanto ci fa capire di più su questi processi perversi, e ci mette in guardia sul futuro del cibo”. Carlo Petrini fondatore di Slow Food

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

BARI – Antisessismo e Antispecismo – 16/11/2010

Posted on novembre 12, 2010. Filed under: cineforum antispecista, Ritrovi |

Insito nelle manovre di lotta antispecista è la battaglia contro il sessismo (o maschilismo, propriamente detto), inteso come una gravissima forma di discriminazione, tra gli esseri umani, basata sul genere sessuale.
L’antispecismo, contrariamente, rifiuta ogni forma di discriminazione sessista e suoi eventuali ed espliciti meccanismi (quali stupro, violenze domestiche, linguaggio sessista, misoginia, misandria e pregiudizi relat…ivi ai vari stereotipi di generi), e, postulando il suo annientamento, propone la creazione di nuovi modelli di socializzazione e di relazione fra individui.

La serata, organizzata dal gruppo “Bari Antispecista”, è incentrata sul sessismo e sull’accentuata mercificazione del corpo della donna nella società capitalistica moderna.

PROGRAMMA DELLA SERATA:

Proiezione del documentario “IL CORPO DELLE DONNE” (2009)
Diretto da: Lorella Zanardo, Marco Malfi Chindemi, Cesare Cantù
Finalista nel festival “Italiani brava gente”

– Dibattito aperto sul sessismo e sulle sue correlazioni coll’Antispecismo

– Degustazione Vegan ad offerta di 4 €. E’ gradito un accenno di presenza.

martedì 16 novembre ore  20.00 – 22.00

c/o Terre del Mediterraneo Via Piave, 59 Bari, Italy

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

MERCOLEDI’ ANTISPECISTA – Earthlings – 16 giugno al MERCATO OCCUPATO

Posted on giugno 16, 2010. Filed under: Alimentazione, cineforum antispecista, Ritrovi | Tag:, , , |

In linea coi programmi di diffusione culturale di avanguardie e tematiche d’interesse sociale, il Mercato Occupato ad opera del gruppo antispecista vegan di Bari Puglia Veg*ana, mette a disposizione il Mercoledì, a partire da oggi 16 Giugno, come possibile data di apertura rispetto a tali tematiche.

Il Cineforum si aprirà stasera con la proiezione di Earthlings un documentario antispecista del 2005 scritto, prodotto e diretto da Shaun Monson e narrato dall’attore ed animalista Joaquin Phoenix. La colonna sonora è stata composta dal musicista ed attivista dei diritti animali Moby.
Il documentario ha avuto un grande successo presso le comunità animaliste di tutto il mondo.
Il filosofo animalista Peter Singer ha detto:

«Se potessi mostrare un film ad ogni persona nel mondo, sceglierei Earthlings.»

EARTHLINGS (Terrestri) è un documentario sull’assoluta dipendenza dell’umanità dagli animali (usati come compagnia, come cibo, come vestiario, per divertimento e per la ricerca scientifica) ma illustra anche la nostra completa mancanza di rispetto per questi cosiddetti “fornitori non umani”. Il film è narrato. Attraverso uno studio approfondito svolto all’interno di negozi di animali, allevamenti di animali domestici, rifugi, ma anche negli allevamenti intensivi, nell’industria della pelle e della pelliccia, in quella dello sport e dell’intrattenimento, e infine nella professione medica e scientifica, EARTHLINGS traccia, usando telecamere nascoste e filmati inediti, la cronaca quotidiana di alcune delle più grandi industrie del mondo, che basano i loro profitti interamente sugli animali. Potente e informativo, EARTHLINGS è un film che fa riflettere ed è finora il più completo documentario mai prodotto sulla correlazione tra la natura, gli animali e gli interessi economici degli umani.

Tutti sono pertanto invitati a partecipare

A seguire

Dibattito

Cena a base di menù vegan

Mercato Occupato – Via Vitantonio Di Cagno Bari

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( 2 so far )

Proiezione Meat the truth – 22 giugno

Posted on giugno 16, 2010. Filed under: Alimentazione, cineforum antispecista, Ritrovi | Tag:, , , |

Continua l’appuntamento settimanale con il cineforum antispecista organizzato da Puglia Veg*ana.

Martedì sera, 15 giugno, presso la sede dell’associazione Terre del Mediterraneo in via Piave n.59, dalle ore 19.30, preceduto da una degustazione di piatti vegan e seguito da dibattito avverrà la proiezione del documentario Meat the truth

Un documentario con le migliori e più aggiornate informazioni scientifiche sui cambiamenti climatici e il loro legame con l’allevamento di animali: l’industria dell’allevamento causa il 18% dell’effetto serra totale, una percentuale simile a quella dell’industra, e maggiore di quella dell’intero settore dei trasporti pubblici e privati (13,5%).

Con un linguaggio accessibile a tutti, interviste con scienziati, animazioni, statistiche, il documentario intende dare un importante contributo al dibattuto pubblico sul tema, mostrando come un’alimentazione maggiormente basata su ingredienti vegetali sia necessaria per diminuire drasticamente l’impatto sull’ambiente della produzione di cibo.

Cineforum ingresso libero

Degustazione piatti vegan ad offerta minima 3 euro.

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

Proiezione Super size me – 15 giugno

Posted on giugno 15, 2010. Filed under: Alimentazione, cineforum antispecista, Ritrovi | Tag:, , |

Continua l’appuntamento settimanale con il cineforum antispecista organizzato da Puglia Veg*ana.

Martedì sera, 15 giugno, presso la sede dell’associazione Terre del Mediterraneo in via Piave n.59, dalle ore 19.30, preceduto da una degustazione di piatti vegan e seguito da dibattito avverrà la proiezione del documentario SUPERSIZE ME

Super Size Me è un film-documentario del 2004 diretto ed interpretato da Morgan Spurlock, un filmaker statunitense indipendente.
La pellicola segue un esperimento portato avanti dal regista: per un mese (30 giorni) ha mangiato solamente cibo della nota catena mondiale di fast food McDonald’s, tre volte al giorno, ogni giorno – interrompendo contemporaneamente ogni attività fisica – e documentando tutti i cambiamenti fisici e psicologici avvenuti. Oltre a questo, Spurlock esplora l’enorme potere della catena sull’industria dei fast food e come questa incoraggi un’alimentazione povera per massimizzare il proprio profitto.
Il tutto prende le mosse da un episodio di cronaca del 2002: due ragazze statunitensi citarono in giudizio la catena di fast-food McDonald’s dichiarando “se siamo obese è colpa sua”. La difesa della corporation puntò sul fatto che non c’erano prove che un’alimentazione basata esclusivamente o principalmente sui fast-food avesse effetti simili. Per contrastare quest’osservazione e questo vuoto, Spurlock, scrittore e produttore fino ad allora noto soprattutto nel circuito televisivo, decise di diventare una cavia di un folle esperimento: un mese di solo cibo McDonald’s, il tutto davanti ad una telecamera 24 ore al giorno.

Cineforum ingresso libero

Degustazione piatti vegan ad offerta minima 3 euro.

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( None so far )

Proiezione Earthlings – 8 giugno

Posted on giugno 6, 2010. Filed under: Alimentazione, cineforum antispecista, Ritrovi | Tag:, , |

Martedì sera, 8 giugno, presso la sede dell’associazione Terre del Mediterraneo in via Piave n.59, dalle ore 20 si terrà il primo appuntamento del cineforum antispecista organizzato da puglia veg*ana.
Al termine della proiezione degustazione di piatti vegan e dibattito.
INGRESSO LIBERO!

EARTHLINGS (Terrestri) è un documentario sull’assoluta dipendenza dell’umanità dagli animali (usati come compagnia, come cibo, come vestiario, per divertimento e per la ricerca scientifica) ma illustra anche la nostra completa mancanza di rispetto per questi cosiddetti “fornitori non umani”. Il film è narrato. Attraverso uno studio approfondito svolto all’interno di negozi di animali, allevamenti di animali domestici, rifugi, ma anche negli allevamenti intensivi, nell’industria della pelle e della pelliccia, in quella dello sport e dell’intrattenimento, e infine nella professione medica e scientifica, EARTHLINGS traccia, usando telecamere nascoste e filmati inediti, la cronaca quotidiana di alcune delle più grandi industrie del mondo, che basano i loro profitti interamente sugli animali. Potente e informativo, EARTHLINGS è un film che fa riflettere ed è finora il più completo documentario mai prodotto sulla correlazione tra la natura, gli animali e gli interessi economici degli umani.

Leggi l'articolo intero | Make a Comment ( 2 so far )

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...